Chi approva le teorie cospirazioniste tende a essere più religioso

Un ampio studio pubblicato sulla rivista Political Psychology suggerisce che il legame tra le credenze del complotto e la religiosità è radicato nelle analogie cognitive tra le due suddette convinzioni. I risultati complessivi suggeriscono che le persone con una maggiore propensione alla cospirazione tendono ad essere più religiose, e questo… Leggi tutto »Chi approva le teorie cospirazioniste tende a essere più religioso

Lavorare sulla compassione per se stessi riduce il rischio di suicidio

Un nuovo studio mostra che l’autocompassione è associata in modo specifico ai comportamenti suicidari rivelati, ma non al suicidio nascosto. Questa ricerca è stata pubblicata nel Journal of American College Health. A livello globale, il suicidio rappresenta circa 1 milione di morti all’anno e, tra gli studenti universitari e le… Leggi tutto »Lavorare sulla compassione per se stessi riduce il rischio di suicidio

L’attaccamento sicuro degli adolescenti è un predittore di impegno prosociale durante la pandemia

Uno studio prospettico pubblicato sulla rivista Child Development ha scoperto che un attaccamento sicuro degli adolescenti ai loro genitori all’età di 12 anni ha potuto prevedere il loro impegno nei comportamenti prosociali e di protezione della salute pubblica durante la pandemia COVID-19, dopo tre anni dai primi rilevamenti. Lo studio… Leggi tutto »L’attaccamento sicuro degli adolescenti è un predittore di impegno prosociale durante la pandemia

I videogiochi fanno davvero male ai bambini e ai giovani ragazzi?

Un nuovo studio sull’Internet Gaming Disorder (IGD), ha fatto emergere “nessuna associazione tra i sintomi dell’IGD e la psicopatologia”. L’unico legame che hanno riscontrato è stato che i ragazzi di 10-12 anni che presentavano alcuni sintomi avevano di fatto meno ansia, piuttosto che averne di più, a distanza di qualche… Leggi tutto »I videogiochi fanno davvero male ai bambini e ai giovani ragazzi?

Le persone con depressione mostrano segni di pensiero distorto nel modo in cui usano i social media

Un aspetto chiave della terapia cognitivo-comportamentale è quello di sfidare le “distorsioni cognitive“, modelli di pensiero imprecisi che spesso colpiscono le persone con depressione. Tali distorsioni potrebbero includere: il saltare alle subito conclusioni, la tendenza alla valutazione catastrofica, il pensiero in bianco e nero, l’auto-colpevolizzazione. Tutte modalità che possono causare… Leggi tutto »Le persone con depressione mostrano segni di pensiero distorto nel modo in cui usano i social media

Non saper flirtare è la ragione principale del celibato involontario

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Personality and Individual Differences ha scoperto che la ragione principale dietro il “celibato involontario” è il non saper flirtare. Questo fattore è stato seguito dal non saper percepire i segnali di interesse, dalla mancanza di sforzo e da un livello troppo alto di pignoleria.… Leggi tutto »Non saper flirtare è la ragione principale del celibato involontario

Chi non si sente socialmente accettato tende a vivere più sulla difensiva

Può essere difficile ammettere la propria responsabilità quando hai commesso qualcosa di sbagliato, che sia grande o meno, specialmente se senti di aver trasgredito ad un codice morale o sociale. Potresti quindi scegliere di evitare di affrontare il problema e metterti sulla difensiva. Ma la posizione difensiva ha comunque spesso… Leggi tutto »Chi non si sente socialmente accettato tende a vivere più sulla difensiva